rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Cronaca Salò / Via Tavine

Bimbo gioca in spiaggia sul Lago di Garda, porta una bomba a mamma e papà

La spiaggia è stata evacuata dai carabinieri

Si è presentato da mamma e papà stringendo un oggetto arrugginito tra le mani. E ai genitori è bastato un attimo per capire cosa fosse lo strano aggeggio metallico che il piccolo aveva trovato poco prima sul bagnasciuga: era una bomba. Non è esplosa, e meno male, ma è scattata immediatamente la chiamata ai carabinieri e per pochi istanti tra i bagnanti si è diffuso il panico. 

Tutto vero: un ordigno bellico, probabilmente risalente alla Seconda guerra mondiale, è stato trovato in spiaggia, per di più da un bambino. È successo giovedì, nel tardo pomeriggio, nella zona di via Tavine a Salò. I bagnanti sono stati fatti allontanare, la porzione di spiaggia dov'è stato ritrovato l'ordigno recintata, interdetta al pubblico e sorvegliata per parecchie ore, dato che durante la serata i fuochi d'artificio hanno illuminato il golfo.

Sul posto, oltre ai carabinieri e alla polizia locale, sono intervenuti anche gli artificieri del Genio guastatori di Cremona. Al termine delle dovute verifiche è emerso, come detto, che l'ordigno risaliva a oltre 70 anni fa: si tratterebbe di una bomba a mano. In ogni caso si è proceduto alla sua rimozione, con tutte le misure di sicurezza del caso. Anche stavolta tutto è bene quel che finisce bene. Non è infatti la prima volta che un residuato bellico riemerge dalle acque del Lago di Garda: tantissime bombe sono finite nel bacino lacustre durante i due conflitti del 1900 e non tutte sono state recuperate, nonostante le molte operazioni di bonifica. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbo gioca in spiaggia sul Lago di Garda, porta una bomba a mamma e papà

BresciaToday è in caricamento