rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Rudiano

"Sono in quarantena", ma si esprime male: panico al supermercato

È successo nel primo pomeriggio di mercoledì al 'Famila' di Rudiano. I carabinieri hanno rintracciato la donna e fatto tutte le verifiche del caso: non era in quarantena e nemmeno positiva al Coronavirus

In tempi di emergenza sanitaria basta davvero poco per seminare il panico. Anche l'uso improprio di un termine mentre si chiacchiera con la cassiera del supermercato diventa l'input per far scattare un allarme del tutto infondato.

È quanto accaduto attorno alle 14.30 di mercoledì al supermercato Famila di Rudiano, dove si sono vissuti momenti davvero concitati. A seminare il panico è stata una signora di circa 40 anni: mentre imbustava la spesa appena fatta avrebbe confidato alla cassiera di essere in quarantena. Parole che hanno immediatamente allarmato gli altri clienti in fila alla cassa. Qualcuno si sarebbe pure messo ad urlare, terrorizzato, per avvisare le altre persone presenti "una signora alla cassa ha il Coronavirus, uscite tutti".  

Come prevedibile è scattata la fuga generalizzata, mentre il personale del negozio contattava il numero unico per le emergenze e seguiva la 40enne nel parcheggio per prendere il numero di targa della sua auto.

Si è trattato di un equivoco, per fortuna, risolto in poco tempo. I carabinieri della stazione di Rudiano hanno rapidamente rintracciato la signora che aveva seminato il panico e verificato che non ha il Coronavirus e che non è nemmeno in quarantena. Ai militari la donna avrebbe raccontato di essersi espressa male, voleva solo spiegare che l'azienda dove lavora ha deciso di chiudere data l'emergenza Coronavirus. Ma la parola quarantena, utilizzata a sproposito, ha generato il panico.

Non solo: l'episodio è stato raccontato da alcuni testimoni sulle pagine social del Paese, scatenando ansia e paura in tutta la comunità già preoccupata per i primi tre casi positivi al Covid-19 emersi proprio nel primo pomeriggio di mercoledì. 

Tutto bene quel che finisce bene: la signora, negativa al tampone e non in isolamento, è poi tornata al supermercato Famila per scusarsi per lo scompiglio creato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sono in quarantena", ma si esprime male: panico al supermercato

BresciaToday è in caricamento