"Trascinavano i bambini per i piedi": shock all'asilo, minacce alle maestre

Al nido delle Tartarughe i carabinieri presidiano la struttura: anche le maestre che non c’entrano nulla sarebbero state minacciate. Presto interrogate le tre educatrici

Asilo nido La Spiaggia delle Tartarughe di Rodengo Saiano

L’atmosfera è surreale, inevitabilmente, all’asilo nido La Spiaggia delle Tartarughe di Rodengo Saiano: è qui che lavorano le tre educatrici, due di 29 e una di 25 anni, che sono finite al centro delle indagini degli agenti della Squadra mobile della Questura con l'accusa di maltrattamenti aggravati. Niente domiciliari, ma obbligo di firma: nei prossimi giorni saranno sicuramente interrogate dal magistrato. Sono incensurate, ma rischiano comunque una condanna pesante, anche a più di un anno di carcere.

Una giornata difficile

All’asilo ci sono le altre maestre: in tutto sono in sette. Ma è difficile lavorare, l’atmosfera è pesante. In tanti in paese fin dalla prima mattina si sono chiesti quale fosse l’asilo “incriminato”. Poi con il passare delle ore tutti sapevano, e chissà quanti sono passati alla “Spiaggia” per riprendere i bambini, per cercare di parlare con le maestre e dirigenti. 

Alcune maestre, di quelle che non c’entrano nulla, sarebbero state pure minacciate, insomma come spesso si fa in Italia: per questo i carabinieri hanno presidiato per tutto il giorno la struttura scolastica. Ma cosa succedeva dentro quelle mura? Parlano i video e gli audio raccolti negli ultimi sei mesi dalla Polizia di Stato.

Bimbi trascinati e spintonati

Tanto sono durate le indagini che hanno portato alla messa sotto accusa delle tre giovani maestre. Tra i maltrattamenti reiterati si segnalano punizioni umilianti come la mancata pulizia del pannolino, oppure il digiuno forzato, oppure bambini lasciati da soli in un angolo, anche in bagno. Non sarebbero mai mancati gli insulti, le parolacce rivolte ai bimbi del nido (che, ricordiamo, non hanno più di 3 anni).

Le scene più emblematiche riguardano le maestre che in una occasione prima spintonano e poi trascinano per i piedi una bimba che a quanto pare faceva i capricci, e in un’altra che fanno cadere a terra un bambino, probabilmente per lo stesso motivo. Le indagini sono scattate a seguito della denuncia di una coppia di giovani genitori, che avrebbero riferito degli strani cambiamenti d’umore del loro bambino.

Le testimonianze e i genitori

Una circostanza che è stata poi rinforzata dalla testimonianza di una ex dipendente della struttura, che si sarebbero allontanata proprio per i metodi poco consoni di “gestione” dei bambini. Le tre maestre, oltre al carcere, rischiano ovviamente il licenziamento: sono già state sospese dal posto di lavoro. Davvero una brutta storia, ma che non finisce qui. 

Nei prossimi giorni tutti i genitori incontreranno uno psicologo. Come detto sono in tanti quelli che hanno già annunciato di ritirare il loro bambino: al nido delle Tartarughe gli iscritti sono circa una trentina. Ci sono altri genitori che probabilmente ricorreranno alle vie legali. Intanto i bambini all’asilo continuano a giocare, in giardino. Non sanno bene cosa è successo, non possono saperlo. Forse non si sono mai accorti di nulla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo schianto col tir, poi l'inferno: manager d'azienda muore carbonizzato nella sua auto

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • Terribile schianto all'incrocio: motociclista muore in ospedale

  • Maltempo, arriva forte peggioramento: pioggia e abbondanti nevicate

  • Investita mentre va in pizzeria con la famiglia, muore madre di tre figli

Torna su
BresciaToday è in caricamento