Una vita sui campi da calcio: addio a mister Riccardo Carmignani

Riccardo Carmignani si è spento nei giorni scorsi: aveva 61 anni. Molto noto nel mondo dello sport gardesano: campione d'Italia Beretti con la maglia della Lucchese, lascia un ricordo indelebile nei tanti club dove ha lavorato

Una sola, grande passione: il pallone. Un amore lungo una vita, interamente trascorsa sui campi da calcio. Da giocatore, anche se per pochissimo tempo - un grave infortunio lo costrinse a ritirarsi a soli 22 anni - e, soprattutto, da tecnico.

Ad allontanarlo per sempre da una panchina, una terribile malattia: un nemico subdolo che Riccardo Carmignani non è riuscito a sconfiggere. Si è spento nei giorni scorsi, a soli 61 anni. La tragica notizia è rapidamente rimbalzata da una società all'altra: toscano d'origine, viveva a Manerba da moltissimi anni.

Una carriera lunghissima, quella di allenatore: mister Carmignani ha guidato numerose squadre del Garda, tra cui: Bedizzole, Calvagese, Castiglione, Desenzano, Leonessa, Manerba, Toscolano, Valtenesi e Vobarno. Da giocatore aveva conquistato lo scudetto della categoria Beretti con la maglia della Lucchese. 

L'ultima panchina su cui si è seduto è quella del Manerba Calcio, che lo ha ricordato con un commuovente post su Facebook: "Sei stato il nostro primo allenatore  e ci hai aiutato a far nascere questa piccola realtà. Ci siamo divisi ma abbiamo riallacciato i rapporti, e stavamo organizzando il tuo grande ritorno. Peccato non averlo fatto prima. Hai lottato contro qualcosa di grande, ma hai sempre tenuto duro, senza mai mollare, senza mai perdere il sorriso e la tua voglia di fare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lascia la moglie Patrizia, le figlie Mirella e Anna e la sorella Grazia. Decine di persone sono attese per l'ultimo saluto, che sarà celebrato alle 16 di mercoledì nella chiesa parrocchiale di Manerba.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: "Una Regione ad alto rischio il 3 giugno non può riaprire"

  • Coronavirus: riaprono i bar, ragazzo subito collassa per il troppo alcol

  • Coronavirus: in Lombardia 293 nuovi contagi, a Brescia altre 8 croci

  • Coronavirus: assalto per la movida, Del Bono costretto a chiudere Piazzale Arnaldo

  • Dramma in paese, ragazzo muore a 29 anni: "Il Signore dia conforto ai tuoi genitori"

  • Terribile schianto frontale, auto distrutte e 3 feriti: uno è grave al Civile

Torna su
BresciaToday è in caricamento