Spacciavano ai ragazzini del paese, nei guai due pusher bresciani

In carcere un 50enne di Pralboino, divieto di dimora per un 40enne incensurato del paese.

Fpto d'archivio

Al termine di mesi di indagini, appostamenti e pedinamenti i carabinieri di Pralboino hanno fermato la fiorente attività di due spacciatori bresciani che rifornivano di hashish giovani e giovanissimi della Bassa. Per uno di loro, un 50enne pregiudicato di Pralboino, sono scattate le manette e si sono aperte le porte del carcere di Brescia, mentre il compaesano e socio 40enne è stato sottoposto al divieto di dimora.

L'indagine è scattata alcuni mesi fa, durante un controllo in un bar del paese, quando i militari avevano trovato addosso a un cliente una piccola quantità di droga. Le successive indagini avevano portato all'identificazione dell'uomo che aveva ceduto la droga e pure del suo complice. Così i carabinieri hanno tenuto gli occhi addosso ai due pusher, documentando e assistendo a diversi scambi di stupefacenti, che spesso avevano protagonisti anche alcuni minorenni.  Pare che i due pusher avessero infatti un giro ben avviato e una numerosa platea di acquirenti: a Pralboino, ma pure a Leno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

  • Si compra la cocaina con i soldi delle multe: sospeso agente della Locale

Torna su
BresciaToday è in caricamento