Crolla a terra e si aggrappa alla stufa: trovato morto con profonde ustioni sul corpo

Tragedia a San Felice del Benaco, frazione Portese: il 76enne Pietro Berardi è morto probabilmente a causa di un malore mentre stava accendendo la stufa. Sul suo corpo anche diverse e profonde ustioni

Foto d'archivio

Sarebbe stato ucciso da un malore improvviso il 76enne di Portese di San Felice che è stato ritrovato senza vita nella sua abitazione, martedì pomeriggio, a seguito dell'allarme lanciato dalla sua vicina di casa che dopo aver sbirciato da una finestra l'ha visto esanime a terra. Questo l'esito dei primi accertamenti medico-legali, in attesa dei risultati dell'autopsia già disposta dalla magistratura.

La vittima si chiamava Fermo Pietro Berardi, appunto di 76 anni e residente in Via Ciano, tra i vicoli del centro storico di Portese. Una vicenda che per lunghi attimi si è tinta di giallo, e a che a dirla tutta non è ancora stata risolta in ogni dettaglio.

L'anziano si sarebbe sentito male mentre stava accendendo la stufa, colto da un malore (probabilmente un infarto) a cui ha cercato di resistere aggrappandosi dove ha potuto. In cerca di un appiglio ha quindi trascinato a terra la televisione, e ha quindi toccato con le mani la stufa appena accesa, provocandosi ustioni profonde.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento