Soldi falsi per mezzo milione: arrestato il falsario del Sebino

Arrestato il falsario del lago d'Iseo, forse membro di una banda più vasta e con base a Roma: in casa i Carabinieri hanno recuperato oltre 530mila euro in contanti, tutti soldi falsi

Foto d'archivio

In casa nascondeva la bellezza di mezzo milione di euro, forse pure qualche decina di migliaia in più. Ma non erano il frutto di una vita di guadagni, né tantomeno di una vita azzardata: erano soldi stampati per l'occasione, per essere smerciati probabilmente sul Sebino e in tutta la provincia in vista dell'ormai prossima stagione estiva.

Soldi falsi, 'prodotti' in parte anche in una piccola stamperia sul lago d'Iseo, alla periferia di Paratico. In una delle tante villette che stanno sulla collina, lungo Via Tegattini, e dove sarebbe stato arrestato dai Carabinieri uno dei membri della banda delle banconote false. Oltre ai 530mila euro infatti è stato trovato in possesso di matrici e stampe, insomma attrezzature con cui riprodurre (quasi) alla perfezione il denaro.

I soldi stampati erano tutti da piccolo taglio, da 10 e da 20 euro fatte salve rarissime eccezioni. Imitazioni davvero eccellenti, tanto da ingannare anche i distributori automatici di benzina. E sarebbe solo uno dei 'tentacoli' di un'organizzazione ben più radicata in tutto il territorio nazionale. Le indagini infatti sarebbero partite da un'inchiesta romana, nella Capitale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento