Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Picchia la moglie per la cocaina, poi la violenza sessuale: nei guai padre di famiglia

E' accusato di maltrattamenti e violenza sessuale il 47enne che per lungo tempo avrebbe vessato l'ex moglie: le indagini dei carabinieri di Orzinuovi

Foto d'archivio

“Nonostante avesse un lavoro mi chiedeva i soldi per uscire con gli amici, per bere e consumare cocaina. Se mi rifiutavo, andava fuori di testa e mi aggrediva. Lo stesso succedeva quando rientrava dopo le lunghe uscite con gli amici che spesso duravano un intero fine settimana”. E' questa la testimonianza, riportata da Bresciaoggi, di una donna oggi 47enne residente nella Bassa che ha portato in tribunale l'ex marito, suo coetaneo, a processo per maltrattamenti e violenza sessuale.

Botte e minacce, poi la violenza sessuale

Oltre alle minacce e alle aggressioni, infatti, si sarebbero reiterati episodi di violenza, con atti sessuali non consensuali. I fatti sarebbero proseguiti per anni, almeno fino al novembre del 2019: è in quell'occasione, a fronte dell'ennesimo episodio, che la donna avrebbe trovato il coraggio di denunciare l'accaduto ai carabinieri di Orzinuovi.

Le indagini in poche settimane hanno portato alle misure cautelari dell'allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinarsi alla donna. E ora il processo. I due sono rimasti sposati per quasi vent'anni, fino al 2020: insieme hanno avuto anche un figlio. L'ex marito nega ogni addebito: in aula ha detto di non averla mai minacciata o picchiata, e nemmeno violentata. Sull'episodio del 2019 avrebbe riferito solo di aver reagito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia la moglie per la cocaina, poi la violenza sessuale: nei guai padre di famiglia

BresciaToday è in caricamento