Omicidio di Castenedolo: Musini resta in carcere

Convalidato dal gip Luca Tringali il fermo di Alessandro Musini, unico indiziato della morte della moglie Anna Mura. La donna trovata morta, con il cranio sfondato, lunedì mattina a Castenedolo.

Alessandro Musini, nell'interrogatorio di convalida del fermo, è rimasto in silenzio.

L'uomo, che nei giorni scorsi aveva ribadito la sua innocenza, dicendo di avere trovato la moglie già morta quando è rincasato lo scorso lunedì, ieri si è avvalso della facoltà di non rispondere. Ma il gip ha convalido il fermo. 

Fondamentali saranno le analisi del Dna sulle tracce ematiche rinvenute su quella che potrebbe essere l'arma del delitto: l'accetta trovata in un campo vicino alla residenza di via Matteotti, dove  è avvenuto l'omicidio. Bastone che stando all’autopsia potrebbe essere compatibile con le ferite riportate al cranio da Anna Mura.

Solo le analisi stabiliranno se il sangue ritrovato sull 'arma sia quello della vittima e, soprattutto, se ci siano anche le impronte dell'assassino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

Torna su
BresciaToday è in caricamento