Cronaca

Ultras Brescia freddato con 6 colpi di pistola: al via il processo

Nel 2005 Carlo Ragnoli venne freddato da sei colpi di pistola: arrestati lo scorso ottobre Gianluigi Dordi e Davide Bettera, il mandante e l'esecutore dell'omicidio. Oggi al via il processo di Roncadelle

Carlo Ragnoli

Sei colpi di pistola, alla gamba prima, all’addome e al torace poi. Questa la terribile dinamica dell’omicidio di Carlo Ragnoli, l’ultras del Brescia allora 42enne che venne freddato a Roncadelle, nel gennaio del 2005.

Ora, sette anni dopo, prende il via il processo nei confronti di Gianluigi Dordi e Davide Bettera, il mandante e l’esecutore materiale dell’omicidio: il primo, 37 anni di Brescia; il secondo, 37 anni di Iseo, accusato di aver ricevuto 12mila euro in contanti, in ‘cambio’ dell’assassinio.

Una storia di vendetta, perché pare che tra i due mai ci sarebbe stata amicizia vera, e addirittura le rivoltellate se le sarebbero scambiate più di una volta. Per motivi di droga, e di soldi.

Dordi e Bettera intanto sono stati arrestati, un anno e due mesi fa, mentre ancora si cerca un ipotetico terzo complice, che ci avrebbe messo l’auto e la pistola.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ultras Brescia freddato con 6 colpi di pistola: al via il processo

BresciaToday è in caricamento