Morto Nino Gorio, storico fondatore del Bresciaoggi

Fu tra i primi a occuparsi delle inchieste sul terrorismo nero

Nino Gorio

Si è spento all'età di 64 anni Nino Gorio, storico fondatore - assieme ad Aldo Borta Schiannini, Odoardo Rizzotti e tanti altri - del quotidiano Bresciaoggi.

Grande esperto di nera e giudiziaria, a Brescia seguì le inchieste sul terrorismo nero: celebri i suoi articoli riguardanti i primi processi sulla Strage di piazza Loggia.

Dopo l'amata esperienza al Bresciaoggi, lavorò anche per il Giorno. Qui venne sospeso da caporedattore per essersi schierato, assieme a tanti suoi colleghi, contro la pubblicazione di un'intervista a Anna Craxi - moglie dell'ex leader Psi - durante la campagna elettorale del 1992.

Tra le sue collaborazioni compaiono tante altre testate, tra le quali l'Unità, Focus, Meridiani, Weekend e Il Sole 24 Ore. La camera ardente è stata allestita nella camera mortuaria di Tradate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento