Cronaca

Drogato e ubriaco al volante, maestra gravissima: “Conosco Maria Teresa, mi dispiace”

A nulla sono servite le nuove scuse di Massimiliano B., il ragazzo di 29 anni che venerdì sera ha tamponato con la sua auto l'ex maestra d'asilo Maria Teresa Chiarini, ancora ricoverata in gravissime condizioni. Arresto convalidato dal giudice

Maria Teresa Chiarini è ancora ricoverata in gravissime condizioni alla Poliambulanza di Brescia

Ha chiesto scusa, ancora una volta: “Mi dispiace per quello che ho fatto”. Solo questo, e poco altro: “Mi dispiace anche perché la vittima la conosco bene”. Massimiliano B. ha parlato, davanti al giudice per le indagini preliminari (che intanto ne ha convalidato l'arresto): scuse a parte, si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Con la nuova legge sugli incidenti stradali rischia parecchio: era drogato e ubriaco alla guida. Nel sangue gli è stata riscontrata la presenza di cocaina e di alcolici, addirittura quattro volte oltre il limite consentito. Uno dei motivi per cui non avrebbe visto l'auto che gli stava davanti.

Era la Fiat 600 di Maria Teresa Chiarini, maestra d'asilo in pensione ancora ricoverata in gravissime condizioni alla Poliambulanza di Brescia. Voci di corridoio avrebbero suggerito di come forse non sarebbe più in pericolo di vita: ma non c'è niente di ufficiale, la prognosi è riservata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Drogato e ubriaco al volante, maestra gravissima: “Conosco Maria Teresa, mi dispiace”

BresciaToday è in caricamento