menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Michele Spada (Facebook)

Michele Spada (Facebook)

Precipitano nel vuoto per 200 metri: addio a Michele, gravissima la compagna

Primo incidente mortale sulle montagne bresciane: la vittima è il 44enne milanese Michele Spada. Gravissima la ragazza che era con lui

Si chiamava Michele Spada la vittima della prima, tragica caduta dell'anno sulle montagne bresciane: in una sola settimana è già il quarto morto, in tutto il Nord Italia, tra cui due bambini. Milanese di 44 anni e considerato un alpinista esperto, Spada stava attraversando il Cornone del Blumone, di fronte alla Piana del Gaver, insieme alla compagna di circa 35 anni, anche lei alpinista esperta. Ma qualcosa è andato storto.

I due sono precipitati nel vuoto per oltre 200 metri: Spada è morto sul colpo, per le botte ricevute, la giovane donna invece è ancora viva ma in gravissime condizioni. E' stata trasferita d'urgenza, in elicottero, al Civile di Brescia: arrivata in ospedale ha avuto un aarresto cardiaco, ma è stata rianimata. La prognosi è riservata, con politraumi su tutto il corpo e in particolare la frattura del bacino.

Si cerca ancora di ricostruire nel dettaglio la dinamica dell'accaduto. I due stavano scalando lungo un canale del Blumone, finché qualcosa non è andato storto. L'allarme è stato lanciato poco dopo le 10 da un'altra coppia di alpinisti che avrebbe assistito alla scena. La centrale operativa del 112 ha inviato sul posto l'elisoccorso, decollato da Brescia, e una squadra del Soccorso alpino: gli interventi di recupero si sono conclusi nel primo pomeriggio.

La cronaca della tragedia

La salma di Spada riposa all'obitorio dell'ospedale di Esine, a disposizione della magistratura (che però a quanto pare non avrebbe intenzione di predisporre alcuna autopsia). Nel pomeriggio sono stati allertati i familiari. I due alpinisti avevano dormito al rifugio Tita Secchi, pronti ad attraversare il Blumone in mattinata.

Avevano già superato il confine, attraversando il versante camuno, in territorio di Breno, a 2843 metri d'altitudine. Poi l'improvvisa caduta, il volo in un vuoto che sembra non finire mai, la tragedia di un istante. E a poche decine di chilometri di distanza, un'altra vittima: il 47enne Ilario Tebaldi, morto in quota a 1700 metri, precipitato da un sentiero alle Tre Croci di Valbondione, in provincia di Bergamo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento