Sedata e violentata dal marito, donna abortisce dopo lo stupro

Storie di ordinaria violenza a Medole: una giovane donna violentata dal marito dopo essere stata sedata. Quella notte rimase incinta, scelse di abortire: in autunno il processo

In autunno è attesa la sentenza che probabilmente lo condannerà: ex marito aggressivo e manesco, è accusato di aver violentato la moglie dopo averla addirittura sedata, di modo che non potesse reagire. A seguito di quel rapporto lei rimase incinta, e poi decise di abortire.

Storie di violenza quotidiana a Medole, nell'alto Mantovano: la vittima è una giovane donna con due figli (al momento in affido ad un'altra famiglia) per lungo tempo alle prese con le angherie del marito.

Un marito violento, un padre assente: quando uno dei due figli si sentì male, lui si sarebbe rifiutato di aiutarlo e di portarlo in ospedale (questo secondo le testimonianze fornite proprio dalla moglie, e da una vicina di casa).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

  • Si sente male all'Università, poi la situazione precipita: ragazza muore di meningite

Torna su
BresciaToday è in caricamento