rotate-mobile
Mercoledì, 29 Novembre 2023
Cronaca

Matrimonio finisce in tribunale: "Mi ha picchiata e costretta a praticare sesso anale"

La denuncia dell'ex moglie, il marito nega tutto

Una brutta storia familiare, finita in tribunale: marito e moglie ai ferri corti, il processo al via martedì, accuse e smentite di violenza. L'ormai ex marito è stato denunciato per maltrattamenti in famiglia, lesioni e violenza sessuale: è un 40enne di origini marocchine ma che da tanti anni vive in Franciacorta. L'ex moglie è una donna più giovane: i due si sarebbero sposati in Marocco nel 2019 ma si sarebbero ricongiunti solo un anno più tardi. Avrebbero convissuto in provincia di Brescia solo per due mesi, prima della brusca rottura.

Nello scambio reciproco di accuse, la donna avrebbe riferito agli inquirenti (e ribadito alla prima udienza in tribunale a Brescia) di essere stata minacciata, picchiata e perfino costretta a praticare sesso anale contro la propria volontà (da qui le accuse di violenza sessuale: sarebbe stata abusata più volte). 

Il marito nega tutto

Il marito nega tutto, e anzi rilancia: nessuna violenza da parte sua ma solo i cattivi comportamenti della moglie, che l'avrebbe minacciato di scappare in Francia non appena ottenuto il permesso di soggiorno e costretto a dormire sul divano per settimane. Insulti e minacce, l'istanza di divorzio (presentata dall'uomo), la denuncia della donna. La prossima udienza (con probabile sentenza) sarà il 3 novembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matrimonio finisce in tribunale: "Mi ha picchiata e costretta a praticare sesso anale"

BresciaToday è in caricamento