menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Univiersità di Brescia, Endocrinologi: "Meno bisturi con farmaci innovativi"

All'Università degli Studi di Brescia il convegno 'Clinical update in endocrinologia e metabolismo' organizzato dal direttore della Cattedra di endocrinologia, Andrea Giustina

Nuove speranze per affrontare la malattia di Cushing, l'acromegalia ed il gigantismo arrivano dai massimi esperti di endocrinologia riuniti a Brescia nel convegno 'Clinical update in endocrinologia e metabolismo' organizzato da Andrea Giustina, direttore della Cattedra di endocrinologia dell'Università degli Studi di Brescia.

Le nuove prospettive vengono dai risultati delle sperimentazioni condotte con pasireotide, un farmaco che - si legge in una nota dell'ateneo bresciano - si è dimostrato efficace nel controllare la produzione di ormoni che danno origine alle due patologie.

"La speranza - ha dichiarato il professor Giustina - è di poter trattare con la terapia medica un numero sempre più elevato di pazienti" che in precedenza potevano essere trattati solo con il ricorso alla chirurgua dell'ipofisi.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento