Cronaca

Scomparso da casa, trovato morto nelle acque del Garda

L'uomo, un 43enne, non dava sue notizie dal pomeriggio di Ferragosto: il suo corpo senza vita è stato ripescato dai Vigili del Fuoco in località Corno, grazie alla segnalazione di alcuni bagnanti.

Di lui non si avevano notizie dal tardo pomeriggio di Ferragosto. L'allarme era scattato nella mattinata di mercoledì, poche ore più tardi la drammatica scoperta. Le ricerche si sono concluse nel modo peggiore: il corpo di c, 43enne di Garda, comune della sponda veronese del lago, è stato ripescato dai vigili del fuoco intorno alle 13.30 di mercoledì in località Corno, a circa 20 metri dalla riva. 

Le operazioni condotte dai vigili del fuoco erano partite intorno alle 10.40 del mattino, su richiesta della prefettura: così la squadra nautica della sezione di Bardolino, coadiuvata dal nucleo sommozzatori di Venezia, aveva niziato a battere la zona del comune lacustre, ma è stata la segnalazione di alcuni bagnanti a permettere il rinvenimento del corpo. Inutile quindi la presenza sul posto del personale Suem, dei carabinieri di bardolino e della guardia costiera. 

Stando alle prime informazioni, il 43enne sarebbe morto annegato ma non a causa di un gesto estremo.
Banterla lavorava in un'azienda vitivinicola di Lazise e abitava con la madre 72enne. Lo sfortunato veronese era stato colpito in passato da alcuni problemi di salute, che lo avevano costretto a sottoporsi ad alcuni delicati interventi. 

Fonte: Veronasera

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scomparso da casa, trovato morto nelle acque del Garda

BresciaToday è in caricamento