Vandali scatenati sulle auto in sosta: tranciate 40 gomme in poche ore

Una brutta sorpresa per decine di escursionisti che sono tornati alle proprie auto dopo una passeggiata: tranciate decine di gomme, almeno 20 le vetture danneggiate

Foto di repertorio

Sarebbero almeno 20 le auto danneggiate, e circa 40 le gomme tagliate in poche ore in località Malga Licino a Saviore dell'Adamello: è questo il bilancio del raid vandalico che ha provocato non pochi disagi agli escursionisti in transito in zona nel fine settimana. Una brutta, bruttissima sorpresa per tutti coloro che avevano parcheggiato l'auto sul ciglio della strada e al ritorno hanno dovuto chiamare il carro attrezzi.

Le auto infatti si sono trovate almeno due gomme tagliate, così da non poter nemmeno arrangiarsi da sé nella sostituzione: sull'accaduto stanno già indagando i carabinieri, che avrebbero già raccolto testimonianze avvicinandosi (forse) ad alcune persone che conoscono bene la zona (e che potrebbero aver già compiuto episodi simili in passato).

La dura presa di posizione del Cai

Tutto da vedere, comunque, mentre si ipotizza che per tagliare le gomme sia stata utilizzata una roncola (in bresciano, il podèt) con cui appunto sono stati tranciati di netto gli pneumatici dei turisti arrivati in valle per una passeggiata. Su quanto successo arriva la dura presa di posizione del Cai di Cedegolo, la sezione locale del Club alpino italiano intitolata a Battistino Bonali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“A nome di mio e di tutto il direttivo – scrive il presidente – espongo il più profondo rammarico per quanto successo e in quanto camuno, ci tengo a dire che ci vergogniamo profondamente per quanto accaduto e chiediamo scusa a tutti coloro che magari da lontano erano saliti per passare una piacevole giornata in montagna. Chiediamo scusa in quanto noi crediamo che la montagna sia di tutti, e tutti abbiano il diritto di frequentarla, con le dovute attenzioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Terribile tragedia: bimba di 7 mesi muore soffocata da un palloncino

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento