menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arrivano i carabinieri, lui ingoia tutta la droga: salvato appena in tempo

Ha rischiato di morire il giovane spacciatore marocchino che l'altra notte a Ghedi ha inghiottito dosi di cocaina, eroina, hashish e anfetamina. Salvato in ospedale con una lavanda gastrica

Se la caverà, ma se l'è vista davvero brutta: ha rischiato di morire intossicato per aver ingoiato tutta la droga che aveva, stratagemma architettato per evitare l'arresto. Non ha funzionato: non solo la corsa in ospedale per una lavanda gastrica d'urgenza, con tutte le conseguenze del caso, ma anche un decreto di espulsione immediata dal territorio italiano.

I carabinieri lo hanno beccato l'altra notte, nel parcheggio di una nota discoteca di Ghedi. Qui il ragazzo classe 1987 di nazionalità marocchina era intento a spacciare, ed è stato intercettato praticamente in flagranza di reato. Alla vista dei militari, lui ha però cercato di far sparire tutta la droga. Appunto ingoiandola.

Nel dettaglio il 31enne ha rapidamente ingerito due dosi di cocaina e due di eroina, in tutto circa due grammi, un pezzo di hashish da qualche grammo, tre pasticche di anfetamina. I carabinieri per fortuna se ne sono accorti, e l'hanno subito trasportato in ospedale.

Il 31enne è stato ricoverato a Manerbio, e qui sottoposto a lavanda gastrica. Dopo un paio di giorni in osservazione, è stato dimesso: ma è già stato accompagnato al Cie di Torino, il Centro di Identificazione ed Espulsione da qui il giovane verrà allontanato dall'Italia, e riaccompagnato in Marocco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento