Furgone in contromano per 30 km: l'autista era ubriaco 4 volte oltre il limite

E' stato denunciato e multato il 48enne beccato alla guida di un furgone, ubriaco e contromano in autostrada: tragedia sfiorata sulla A4

Foto d'archivio

Ubriaco e contromano in autostrada, per fortuna senza incidenti: inevitabili, comunque, le conseguenze, tra cui una denuncia penale, il ritiro immediato della patente (e il fermo del mezzo) e una sanzione salatissima, nell'ordine delle migliaia di euro. E' successo sulla A4, in direzione Brescia (almeno nella prima parte dell'insolito e pericolosissimo viaggio): il protagonista è un polacco di 48 anni.

Fermato dalla Polizia Stradale mentre viaggiava (di nuovo) verso Bergamo, in senso opposto – e appunto contromano – rispetto alla sua direzione originale, e corretta. A quanto pare si sarebbe fermato in autogrill, nell'area di servizio Brianza poco prima dell'uscita di Agrate. E' entrato dalla parte giusta, ma è uscito da quella sbagliata.

Furgone contromano, le telefonate al 112

Diverse le telefonate al 112, e immediato l'intervento della Polstrada: fortunatamente, come detto, le auto sulla A4 erano poche e non c'è stato nessun incidente. Di fronte all'evidenza, il 48enne ha riferito di non essersi accorto del suo viaggio in contromano, lungo circa 30 km: sottoposto all'alcol test, è risultato positivo con un tasso alcolemico di 2,18 grammi per litro di sangue, più di quattro volte oltre il limite.

Da qui le sanzioni per la guida in contromano e in stato d'ebbrezza, oltre che il ritiro della patente e una denuncia penale per lo stesso motivo. Il mezzo, un furgone con targa polacca di proprietà della ditta per cui lavora, è stato sottoposto a fermo amministrativo per tre mesi. In ultimo, una multa da 533 euro per aver violato il coprifuoco (le 23 erano già passate) senza valido e giustificato motivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione Io Apro: il 15 gennaio ristoranti aperti contro la nuova stretta

  • Lombardia zona rossa dal 17 gennaio, le regole: cosa si può fare e cosa no

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Una tragedia immensa: il piccolo Alberto ucciso da un tumore a soli 5 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento