Cronaca

Orzinuovi: la crociata del segretario anti-profughi approda in Tribunale

Due associazioni citano in Tribunale Federica Epis, in prima linea nella campagna "Segnala il clandestino", per diffamazione e discriminazione razziale. L'udienza è fissata al 2 dicembre prossimo

ORZINUOVI – La campagna shock “Segnala il clandestino” e la forte presa di posizione del segretario orceano della Lega continuano a far discutere.

Due associazioni, per la precisione la onlus K-Pax e la porto Escondido, hanno citato in giudizio la segretaria leghista Federica Epis. L’udienza è già fissata: appuntamento in Tribunale il 2 dicembre.

Secondo le due associazioni Federica Epis è colpevole di diffamazione e discriminazione razziale, in particolare in riferimento a un post su Facebook che citerebbe i nomi delle due realtà. 


Federica Epis è impegnata personalmente in prima linea nella campagna “Segnala il Clandestino” - cui si è allineato anche il capogruppo del Carroccio in Regione Fabio Rolfi – lanciata al grido di “Non essere complice”, “Evitiamo l’invasione”, “Difendiamo Orzinuovi”.

“La cosiddetta accoglienza – avevo affermato Federica Epis – è in realtà un business finanziato a spese di chi paga le tasse perché i nostri soldi vengono usati per pagare vitto, alloggio, sigarette e mancetta giornaliera a chi arriva qui illegalmente coi barconi”.

“Chi ci guadagna – aveva aggiunto - sono enti pubblici o privati, ma anche singoli cittadini, che intascano più di 1000 euro al mese per ogni clandestino accolto. Questo è il motivo per cui lanciamo la campagna di segnalazione”. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orzinuovi: la crociata del segretario anti-profughi approda in Tribunale

BresciaToday è in caricamento