menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mazzette per le case finite all'asta: 2 anni per un ex dirigente sanitario

Ha patteggiato due anni di reclusione l'ex dirigente dell'asl Valcamonica Domenico Benedetti: era accusato di turbativa d'asta e tentata estorsione

È arrivata in aula la vicenda che ha per protagonisti l'ex dirigente dell'Asl Valcamonica Domenico Benedetti e Franco Bara, imprenditore di Costa Volpino nato a Cazzago. I due erano finiti nei guai lo scorso maggio, quando erano scattate le manette per turbativa d'asta e tentata estorsione: da allora sono ai domiciliari. Il 70enne di Esine, ex dirigente sanitario, ha patteggiato una pena due anni di reclusione. 

Stando a quanto ricostruito di carabinieri di Breno, che hanno condotto le indagini, i due facevano in modo che gli immobili finiti all'asta, al termine delle procedure fallimentari, venissero aggiudicati senza eccessivi rialzi rispetto alla prezzo di partenza. Una volta individuata la persona interessata all'affare, chiedevano 'mazzette' per evitare che il prezzo delle case lievitasse rispetto alla base d’asta e che altri pretendenti prendessero parte alla vendita.

Come funzionava il sistema

L'indagine era scattata proprio dalla denuncia presentata da un artigiano 55enne - ora indagato a piede libero - che, nel 2008, si era aggiudicato l’asta relativa all’acquisto di un appartamento di Esine, per un valore di circa 50 mila Euro. L'uomo aveva racconto che, mentre guardava la casa, era stato avvicinato dall’ex dirigente dell’Asl, il quale aveva dato la sua disponibilità a fare da intermediario nell’operazione di acquisto, garantendo, dietro ricompensa economica, che il prezzo non sarebbe lievitato rispetto alla base d’asta e che non ci sarebbero stati altri concorrenti.

Una volta siglato l'accordo, l’artigiano aveva sborsato 5 mila euro. Una somma non ritenuta sufficiente dal 69enne, che avrebbe quindi minacciato l'uomo, chiedendo altri 12 mila euro. Ad incastrare l'ex dirigente sanitario sarebbero state le registrazioni dei file audio e delle conversazioni di Whatsapp avute con l'artigiano, che proverebbero la tentata estorsione.

Restano indagati a piede libero - per concorso in turbativa d'asta - anche un ingegnere 41enne di Esine e due imprenditori di 52 e 42 anni residenti a Cividate Camuno e ad Esine. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento