Cronaca

Tragedia in montagna: le lacrime della moglie per l’amato Paolo

Venerdì pomeriggio i funerali del 52enne Paolo Beriola, morto martedì sulle montagne di Lozio: gli amici escursionisti lo ricordano con una camminata in suo onore. Il corteo funebre arriverà a Erbusco: lascia la moglie Nella e i genitori, Emma e Gino

Sembra che a farlo scivolare sia stata una sottilissima lastra di ghiaccio: sulla via del ritorno, dopo una lunga escursione a oltre 2000 metri di quota, sulla Cima Bacchetta in Val Baione, territorio di Lozio, Valcamonica. Proprio la montagna l'ha tradito: la passione che coltivava da sempre, con la moglie e con gli amici, anche quando abitava a Brescia.

Da circa 10 anni Paolo Beriola abitava ad Erbusco, frazione di Zocco, insieme all'amata moglie Nella Bini, distrutta dal dolore per il terribile lutto. Il loro trasloco era stato una piccola e consapevole fuga da Brescia città, per vivere circondati dai campi e dalle vigne della Franciacorta.

Martedi' mattina Beriola era uscito per un'escursione insieme ad un amico, come tante volte: poi, l'improvvisa tragedia. E' scivolato in discesa, precipitando in un ghiaione dopo un volo di circa un centinaio di metri, fino a sbattere la testa contro le rocce. Inutili i soccorsi, allertati dall'amico che stava con lui: e' morto sul colpo, aveva 52 anni.

Oltre alla moglie Nella lascia i genitori, mamma Emma e papà Gino. La camera ardente e' stata allestita alla casa del commiato di Brescia: partiranno da qui i funerali, venerdì pomeriggio alle 14.30, il corteo poi raggiungerà Erbusco. Gli amici escursionisti lo celebreranno con una camminata in suo onore, giovedì pomeriggio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia in montagna: le lacrime della moglie per l’amato Paolo

BresciaToday è in caricamento