È ai domiciliari, ma i carabinieri lo trovano al bar: stava prendendo l'aperitivo in compagnia di una donna

L'uomo, un 56enne di Darfo Boario Terme, aveva escogitato un sistema per uscire nonostante la restrizione imposta dal tribunale: un cercapersone collegato al campanello di casa

Aveva collegato un cercapersone al campanello, in modo da trascorrere le serate al bar sotto casa e farsi trovare quando i Carabinieri suonavano alla sua porta. 

Un sistema ingegnoso che però, lo scorso venerdì, non ha funzionato. Al suono del dispositivo, il 56enne - che stava scontando una pena definitiva a 5 anni di reclusione, 2 dei quali già trascorsi in carcere, per i reati di furto di autovetture e ricettazione - non ha fatto in tempo ad uscire dal locale, salire per le scale interne del palazzo e farsi trovare in casa. 

I militari della stazione di Darfo Boario Terme lo hanno pizzicato mentre beveva un aperitivo in compagnia di una donna proprio nel bar-ristorante situato sotto la palazzina di residenza. La donna è fuggita alla vista degli uomini in divisa, lui non ci è riuscito. Per il 56enne sono scattate le manette e si sono riaperte del carcere di Canton Mombello. 

Potrebbe interessarti

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Come smettere di fumare

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Ubriaca fradicia di primo mattino, ragazza soccorsa da un'ambulanza

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Blitz della Locale dal parrucchiere, scattano i sigilli

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

Torna su
BresciaToday è in caricamento