Coronavisrus, dal Civile l'appello per mettere in atto tutte le precauzioni possibili

Il direttore dell'Unità Complessa di Cardiochirurgia degli Spedali Civili di Brescia ha lanciato un accorato appello a seguire le buone norme di precauzione

Con un messaggio pubblico, il professor Stefano Benussi, direttore dell'Unità Complessa di Cardiochirurgia degli Spedali Civili di Brescia (Dipartimento Cardio-Toracico) ha voluto raggiungere il maggior numero possibile di persone. Il motivo? Far capire che con il coronavisrus non si scherza. 

«Leggo commenti sprezzanti e superficiali sulla questione Covid-19. Essendo in zona molto calda, tengo a farvi partecipi della drammaticità del momento. Ciò che farete sarà importante per salvare tante vite. ASPETTARE assolutamente - se possibile - con accessi a risorse sanitarie, soprattutto ospedali, centri medici e pronto soccorso!» 

Il professore riporta poi nel dettaglio quelle che sono le più elementari - ed efficaci - norme di comportamento da tenere in considerazione: «Ascoltate i consigli dei responsabili governativi - e quindi degli esperti epidemiologi:
- limitate i contatti sociali;
- niente contatti fisici;
- niente luoghi pubblici;
- tenete le distanze dagli altri;
- lavatevi le mani;
- niente accessi a diagnosi/terapie non fondamentali e urgenti
». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine un ultimo appello: «Non é uno scherzo! Il sistema sanitario é sul ciglio del collasso. Sta a tutti noi ed alla nostra ottemperanza responsabile limitare e soprattutto rallentare il contagio. Se ci riusciremo, ognuno nel suo piccolo e se spargeremo consapevolezza sulle misure preventive e cultura civica, salveremo molte vite, soprattutto di persone più deboli (anziani e/o con malattie croniche) che altrimenti andranno perse per assenza di posti in rianimazione. Condividete il più possibile».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Colpo di pistola in Commissariato: agente muore dopo il trasporto in ospedale

  • Abbandonata dal marito, chiedeva l'elemosina in paese, è stata uccisa dal figlio che avrebbe dovuto proteggerla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento