menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Molo 32, una delle stanze interessate dal rogo

Molo 32, una delle stanze interessate dal rogo

Brucia il ristorante frequentato dai calciatori, danni per oltre 100mila euro

Divorato dalle fiamme il Molo 32 di Coccaglio: noto locale frequentato, tra gli altri, da Roberto Baggio. Disperati i titolari

Era già tutto pronto per il pranzo di Natale: frigoriferi e celle colmi di pesce e prelibatezze da servire ai tanti clienti attesi per le imminenti festività. È andato tutto in fumo, in pochi minuti: al Molo 32 per molti mesi non ci saranno più pranzi e cene, nè tantomeno feste, a causa dell'incendio divampato nella mattinata di mercoledì.

Un inferno di fiamme e di fumo - domato in tre ore dai Vigili del Fuoco- che ha devastato il noto e rinomato locale di Coccaglio, 'rifugio' dei giocatori del Brescia Calcio ai tempi di Roberto Baggio. Danni ingenti sia nel magazzino, che nella sala da pranzo e nell'annessa pescheria, poco si è salvato dalla furia delle fiamme, tra cui la foto che ritrae il Divin Codino con i titolari del ristorante.

L'incendio è divampato nella prima mattinata di mercoledì: le fiamme, a quanto pare originate dal cortocircuito della cella frigorifera, hanno rapidamente avvolto il locale che si trova in via Padre David Maria Turoldo, alle spalle del Touring Club e vicino a un supermercato. Quando i proprietari sono arrivati sul posto, dallo stabile usciva una densa nube di fumo. Solo l'immediato intervento dei Vigili del Fuoco di Chiari e Brescia ha evitato che l'incendio si propagasse agli edifici attigui.

Una volta spento il rogo e messa il sicurezza la struttura, i titolari e i dipendenti hanno potuto entrare nel locale: davanti agli occhi una scena di devastazione. I danni sono davvero ingenti, la cifra esatta è ancora da quantificare, ma stando a un prima stima supererebbero i 150 mila euro. Non solo: la pescheria resterà chiusa per almeno un mese, il tempo necessario per ricostruire la cella frigorifera, mentre per il ristorante l'attesa potrebbe essere ancora più lunga, ci sarebbe da aspettare fino a Pasqua.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento