Si sente male al lavoro e muore: al pronto soccorso i parenti scatenano il caos

Non ce l'ha fatta il muratore di 45 anni che lunedì mattina si è sentito male al lavoro: morto in ospedale per un arresto cardiaco. Il pronto soccorso invaso da parenti e amici

Una folla di parenti e amici si è presentata al Civile, scatenando il panico (e il caos) in ospedale. Erano tutti preoccupati per la sua sorte, e purtroppo è andata male: non ce l'ha fatta il muratore di 45 anni originario dell'Est Europa che lunedì mattina si è sentito male, colto da un malore che l'ha portato in arresto cardiaco.

Ricoverato appunto al pronto soccorso del Civile, in condizioni gravissime: trasferito in sala operatoria per l'ultimo e disperato tentativo di salvarlo. E mentre proseguiva l'intervento dei medici, la sala d'attesa è stata letteralmente presa d'assalto: in tutto una cinquantina di persone, che avrebbero voluto vedere il malato o almeno sapere qualcosa sulle sue condizioni.

Una situazione limite, inedita almeno in tempi recenti: tanto che medici e infermieri sono stati costretti a chiamare il 112. Sul posto in pochi minuti è arrivata una pattuglia dei carabinieri, per ristabilire la calma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fortunatamente le cose sono finite lì, prima che potessero degenerare. Nessuno ha alzato le mani, e a quanto pare nessuno sporgerà denuncia. Attimi concitati: la situazione si sarebbe inevitabilmente surriscaldata, mentre altre persone attendevano notizie sui propri malati e gli operatori del Civile cercavano di ristabilire la calma. E' in quei momenti che sarebbero volate parole grosse, e qualche insulto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

Torna su
BresciaToday è in caricamento