rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Cividate Camuno

Spacciatore cade nella rete dei controlli per il Covid

Fermo nella sua auto in attesa di un cliente, è stato raggiunto e fermato dai carabinieri

Non si possono frequentare bar e locali, non si possono vedere gli amici, non si può "fare festa", eppure le attività legate allo spaccio non si sono fermate, almeno a quanto emerge dalla Valle Camonica, dove nelle ultime ore uno spacciatore è finito nei guai. A sorprenderlo mentre stava "lavorando" sono stati gli agenti di pattuglia che stavano presidiando il territorio per il rispetto delle regole relative al coronavirus. 

I fatti. I carabinieri della compagnia di Breno erano impegnati nel pattugliamento del territorio e, a Cividate Camuno, in una strada secondaria hanno notato un veicolo fermo. Senza farsi vedere, gli agenti hanno tenuto d'occhio il veicolo, avvicinato poco dopo da un'altro mezzo. Dai rispettivi finestrini abbassati, i due conducenti si sono scambiati qualcosa, e a quel punto i militari sono intervenuti. 

Addosso al cliente sono stati trovati due grammi di cocaina. Lo spacciatore è stato fermato dopo un tentativo di fuga a tutta velocità. Già noto alle forse dell'ordine, il 60enne di Malegno ha trascorso la notte in carcere. L'arresto è stato poi convalidato, e per l'uomo è stato disposto l'obbligo di firma in caserma. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spacciatore cade nella rete dei controlli per il Covid

BresciaToday è in caricamento