Avvolto dalle fiamme mentre dorme: Pietro Zini non ce l'ha fatta

Il 68enne di Castrezzato era rimasto gravemente ustionato in un incendio divampato nel suo appartamento il giorno di Pasqua

Foto d'archivio

CASTREZZATO. A circa sei mesi dal tragico incendio, il cuore di Pietro Zini ha smesso di battere. 

L’uomo, 68 anni, era rimasto gravemente ferito nel giorno di Pasqua, la notte tra sabato e domenica. Il suo appartamento, situato nei pressi del campanile cittadino, era stato avvolto dalla fiamme mentre dormiva. A salvarlo l’intervento di due castrezzatesi, accortisi del fumo che usciva dall'abitazione.

Dopo un mese e mezzo di ricovero al centro grandi ustionati del Niguarda di Milano, ecco il trasferimento al centro Don Gnocchi di Rezzato e poi quello successivo sul lago d’Iseo, fino al peggioramento avvenuto nelle ultime settimane. Lunedì il tragico epilogo. Lascia la moglie Rosetta e i figli Claudio e Omar. I funerali saranno celebrati oggi (14 ottobre) alle 15 nelle chiesa parrocchiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento