Castelmella: pizzaiolo bocciato si accoltella e incolpa il titolare

Un pizzaiolo di 52 anni rifiutato dopo un mese di prova in una pizzeria di Castel Mella: si ripresenta nel locale armato di coltello, si ferisce e accusa il datore di lavoro di averlo aggredito

Bocciato al periodo di prova, si accoltella e cerca di far ricadere la colpa sul suo datore di lavoro. E’ successo in una pizzeria di Castel Mella, nel tardo pomeriggio di martedì: una storia che a prima vista poteva concludersi in tragedia, e invece potrebbe trattarsi di una messa in scena.

L’uomo, un 52enne di origine egiziana, al termine del suo periodo di prova (circa un mese) in pizzeria viene a sapere che non verrà riconfermato, per la stagione. Si è allora presentato nel locale, armato di coltello: non si è fatto vedere, si è diretto alle cucine, poi è tornato verso la cassa con il volto ricoperto di sangue.

Sono stati avvisati Carabinieri e 118, che hanno soccorso il ferito: fuori pericolo, per fortuna, solo qualche taglio poco profondo. Nel trambusto, il pizzaiolo rifiutato ha accusato il suo datore di lavoro, di averlo aggredito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zone gialle, arancioni e rosse, cosa succede il 6 dicembre: c'è attesa per la Lombardia

  • Pranzo in trattoria, 280 euro di multa a 26 operai: "Come possono mangiare al gelo?!"

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Ragazza di 13 anni scomparsa con l'amica, madre disperata: "Torna a casa amore mio"

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Si compra la cocaina con i soldi delle multe: sospeso agente della Locale

Torna su
BresciaToday è in caricamento