Rapiti i tre cani di un cacciatore bresciano: "Se prendi altri animali sei morto"

Blitz nella notte, firmato dagli animalisti di Animal Liberation Front: sono stati rapiti i tre cani da caccia di Luigi Ducoli

La foto pubblicate su Facebook da Luigi Ducoli

Blitz animalista, o almeno così pare, nel terreno affittato da Luigi Ducoli detto Gigi, noto cacciatore della Valle Camonica: ignoti nella notte hanno rapito i tre cani di proprietà di Ducoli, due setter – Jenna e Ibra – e un lagotto romagnolo, Iron. Tutti e tre erano nei loro box, in un campo in località Gera-Balote, lontano dal paese.

Sul posto anche una firma che in realtà è una minaccia: “Se prendi altri animali sei morto”, si legge a fianco del marchio di Alf, l'acronimo di Animal Liberation Front, il fronte di liberazione animale che opera a livello internazionale. Circostanza che è tutta da verificare: non è detto che la rivendicazione sia originale.

L'appello di Ducoli: "Aiutatemi a ritrovarli"

Dell'accaduto sono già state informate le forze dell'ordine. Ducoli è molto conosciuto, in paese e non solo, per aver lavorato per una vita intera – più di 40 anni – in municipio a Breno. Da poco è stato nominato dal sindaco come referente per la località turistica del Gaver.

Ducoli chiede aiuto a chiunque possa aver visto qualcosa. E invita i rapitori, o liberatori dir si voglia, a fare un passo indietro, a riportare i cani a casa: “Aiutatemi a ritrovare i miei cani vigliaccamente rubati – ha scritto in un post su Facebook –. Chi avesse notizie è pregato di farmele avere, grazie per la collaborazione.”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Il dramma di mamma Mara, uccisa a bastonate: aveva una bimba di 5 anni

  • Mara è stata uccisa di notte tra i campi, come il padre nel '93

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento