Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Staminali: dal Civile stop a nuove terapie per bimbo di 6 anni

Secondo l'ospedale, per il bimbo di Matera - affetto dal morbo di Niemann-Pick - non sussistono presupposti per "ulteriori somministrazioni"

Il commissario straordinario dell'ospedale Civile di Brescia, Ezio Belleri, con una nota inviata a Matera alla madre di un bambino di sei anni affetto dal morbo di Niemann-Pick, una malattia invalidante provocata dalla mancanza di un enzima, ha disposto che non sussistono per il bambino i presupposti per "ulteriori somministrazioni" al trattamento terapeutico con cellule staminali.

Nella lettera, datata 30 aprile, il commissario ha ricordato che il "protocollo a suo tempo promosso dall'azienda ospedaliera prevedeva un ciclo di cinque infusioni di staminali". Il nonno del bambino ha riferito che la cessazione del trattamento terapeutico sta riguardano anche altri minorenni che hanno concluso le terapie.


Il bambino "ha effettuato l'ultima infusione nel marzo scorso. Saremo costretti, così come stanno facendo altri genitori, a presentare un nuovo ricorso ex articolo 700 del Codice Civile al Tribunale, per continuare quelle cure che hanno portato giovamento. Ho già scritto al neoministro della Salute, Beatrice Lorenzin, affinché riattivi il decreto dell'ex ministro Balduzzi che aveva restituito dignità e speranza a situazioni come la nostra".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Staminali: dal Civile stop a nuove terapie per bimbo di 6 anni

BresciaToday è in caricamento