Arrestato 32enne: bloccava con una barretta metallica i bancomat

I carabinieri di Brescia hanno arrestato un uomo di nazionalità rumena che metteva a segno dei colpi con una semplice barretta di metallo applicata all'erogatore del bancomat. Una volta allontanatasi la persona giunta a prelevare, che si convinceva di un guasto, passava a incassare le banconote.

Applicava una barretta metallica con dello scotch davanti alla bocchetta per l’erogazione delle banconote. Con questo operazione un rumeno di 32 anni metteva a segno colpi “puliti”, finché a smascherarlo sono intervenuti i Carabinieri di Brescia.

Ci sono 18 episodi denunciati da altrettanti utenti che, allo sportello Bancomat per un prelievo, non riuscivano a ritirare le banconote. L’ipotesi più probabile, quella di un guasto, faceva sì che gli utenti si presentassero solo il giorno dopo in banca per segnalare quanto avvenuto. Naturalmente, per gli impiegati della banca il prelievo risultava effettuato regolarmente.

Mettendo insieme la mappa delle denunce negli ultimi sei mesi – 18 tra via Don Vender e via Foscolo, San Bartolomeo e via Ugoni – i Carabinieri della Stazione di Sant’Eustacchio sono riusciti a risalire al modus operandi del rumeno, identificato poi attraverso le telecamere di sorveglianza, fino a che sono riusciti a coglierlo sul fatto allo sportello di una banca di via Crotte, mentre si presentava a ritirare le banconote rimaste incastrate al di là della barretta metallica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione Io Apro: il 15 gennaio ristoranti aperti contro la nuova stretta

  • Ragazzino in ospedale col femore rotto: «È stato il padre di un mio coetaneo»

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Una tragedia immensa: il piccolo Alberto ucciso da un tumore a soli 5 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento