“No all’aborto, la famiglia è sacra!”, arriva la polizia e vengono multati

Multa da 118 euro (e poteva andare peggio) per il gruppetto di manifestanti di "Ora et labora" che contestano l'aborto, l'eutanasia e le unioni civili. Volantini affissi abusivamente su pali, alberi e muri

(Foto Facebook)

“Ora et labora in difesa della vita”: questo il nome dell'associazione anti-aborto che è stata multata mercoledì mattina all'ingresso del Civile di Brescia. Stavano manifestando, regolarmente, ma avrebbero affisso cartelli e manifesti abusivi: Polizia Locale, verbale, multa da 118 euro.

L'associazione è una delle tante cosiddette “pro-vita”, e stava manifestando a Brescia per contestare l'aborto. “Siamo un gruppo di persone impegnate nella difesa della vita umana – si legge sul web – dal concepimento al suo termine naturale”.

Ecco alcuni slogan, ribaditi sui cartelloni che sarebbero stati affissi abusivamente. “Aborto legalizzato uguale genocidio di Stato”, “No bambini, no pensioni”, e infine “La famiglia è sacra. No divorzio, No aborto, No eutanasia, No convivenze, No gender”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Un paese fantasma: chiude l'ultimo negozio, a rischio anche l'unico bar

  • Dramma in una cascina: trovato morto uomo di 56 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento