Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Il cane, un incrocio Shih Tzu, è stato salvato dalle guardie eco-zoofile dell’Oipa di Brescia e affidato ad un’associazione.

Il cane salvato dalle guardie eco-zoofile dell’Oip

Ha vissuto al buio, rinchiuso in un garage. E quando è uscito da quella prigione, era irriconoscibile. Mesi di abbandono e sporcizia hanno seriamente messo in pericolo la vita di un cagnolino, che non poteva né muoversi, né tantomeno sentire o vedere.

Lo hanno salvato le guardie eco-zoofile dell’Oipa di Brescia, intervenute dopo aver ricevuto una segnalazione. Il cane è un incrocio Shih Tzu di 13 anni e viveva in condizioni disastrose. La sua pelliccia era formata da dread intrisi di urina, feci e spazzatura. I suoi peli erano diventati così duri da essere per lui un'armatura che gli impediva di muoversi, camminare, mangiare, ma pure di vedere, di sentire e di respirare dal naso.

Per queste ragioni è scattato il sequestro del cane, che ora è stato affidato a un’associane del Bresciano che se ne prenderà cura: prima di tutto, dovrà essere sottoposto ad un intervento di rasatura estrema. Come si vede dalle foto, postate sul gruppo Facebook dell’associazione, il muso del cane era ricoperto da strati e strati di pelo, tanto che pare potesse respirare solo con la bocca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I proprietari rischiano una denuncia - per detenzione dell'animale in condizioni incompatibili con la sua natura, idonee a produrre gravi sofferenze -  e una multa salata. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sdraia sul divano, "Nonna sto male": 14enne muore il giorno dopo in ospedale

  • Batteri fecali e da fogna: tre spiagge bresciane sono fortemente inquinate

  • Allarme temporali nel Bresciano: rischio concreto di supercelle

  • Porta una sedia in giardino, gli cade sopra: carotide recisa, muore a 44 anni

  • Tempesta nella notte: frane e fiumi straripati, paese in ginocchio

  • Lago di Garda, prurito quando si esce dall'acqua: è la "dermatite del bagnate"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento