Degenera festa di compleanno: ragazzo preso a bottigliate in testa

È accaduto poco prima della mezzanotte di martedì in via IV Novembre a Bovezzo. Ad avere la peggio un trentenne, che è stato trasportato in ambulanza al Città di Brescia

BOVEZZO. Una festa di compleanno con tanti amici, tanto alcol e musica a tutto volume ha disturbato la quiete notturna dei residenti di via IV Novembre, costretti a chiamare prima i Carabinieri, poi i soccorsi. Ad infastidire e attirare l’attenzione prima gli schiamazzi provenienti da un appartamento, poi un uomo ferito che si aggirava per la strada.

Tutto è partito dalla segnalazione di alcuni condomini di una palazzina: disturbati dalle urla e dalla musica proveniente da un appartamento, hanno chiamato le forze dell’ordine. Tempestivo l’intervento dei militari che sono entrati nell’abitazione, hanno identificato gli invitati alla festa - tutti ragazzi nigeriani -  invitandoli, infine, a moderare i toni. 

Ma, la festa avrebbe continuato ad essere piuttosto animata, tanto che  30 minuti dopo una nuova segnalazione è arrivata al centralino del 112: “Mandate un’ambulanza c’è un uomo ferito in strada”. E così poco prima della mezzanotte i sanitari si sono precipitati in via IV Novembre per soccorrere il ferito: un ragazzo di 30 anni  raggiunto da alcune bottigliate in testa.

Un volto conosciuto ai Carabinieri: si trattava infatti di uno degli invitati. Il giovane ha riferito di essere stato aggredito in strada da uno sconosciuto, ma per i militari l’ipotesi più probabile è che il party sia degenerato in una rissa e che il 30enne ne abbia fatto le spese.  

Per il ragazzo la serata di festa si è conclusa al Pronto Soccorso del Città di Brescia, dove è stato trasportato per ricevere le cure del caso: nulla di grave, solo lievi ferite giudicate guaribili in pochi giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento