Sgominata banda: gestiva traffico prostitute dall'Est Europa

Le persone coinvolte sono in tutto cinque. Portavano in Italia donne romene e serbe attirate con l'inganno per poi farle prostituire, riducendole in schiavitù

Una banda italo-serba dedita allo sfruttamento della prostituzione e alla tratta di esseri umani, con l'aggravante della riduzione in schiavitù, è stata sgominata dai Carabinieri che, in collaborazione con l'Interpol e la polizia serba, hanno effettuato 3 arresti e 2 fermi.

I militari del Comando provinciale, nel corso dell'operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica di Brescia, hanno arrestato i tre in Serbia mentre gli altri due indagati sono stati fermati in Italia. La banda, con l'inganno, portava in Italia ragazze serbe e romene che poi venivano costrette a prostituirsi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: tampone obbligatorio per chi rientra dall'estero

  • Si butta dalla finestra di casa, suicidio shock scuote il quartiere

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Coronavirus, allarme contagi di ritorno: 7 ragazze positive dopo una vacanza

  • Stroncato da una malattia a soli 54 anni, morto noto bassista bresciano

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento