Temporali: disagi e allagamenti in tutta la provincia

I forti temporali di ieri notte hanno creato grossi disagi in tutto il territorio bresciano. A Nave i pompieri sono dovuti intervenire per svuotare il caveau allagato della Banca di Credito Cooperativo

I forti temporali di ieri notte hanno creato grossi disagi in tutta la provincia. A Toscolano Maderno una frana è crollata sulla Gardesana. E' stato istituito il senso unico alternato, all’altezza del km 79,4. Ieri mattina sono stati sistematii i new jersey in cemento. In giornata anche i primi sopralluoghi dei tecnici dell’Anas.

A Calvisano, il torrente Saugo, gonfio d’acqua, ha tracimato allagando cantine e box delle abitazioni in località Rovata, principalmente nelle vie San Michele, Benefattori e Brignedolo.
Starde e campi all'alba si presentavano completamente allagate, ricoperte da fanghi e detriti trascinati dalla pioggia. Sono stati necessari numerosi interventi da parte dei vigili del fuoco.

Allagamenti di aziende, garage e cantine anche Nave dove, oltre ai Vigili del Fuoco, è intervenuta la Protezione Civile locale, aiutata da quella di Bovezzo, Concesio e Caino.
I danni maggiori nella zona Sacca (nord del paese), tra via Pineta e via Paolo VI. I pompieri sono dovuti intervenire anche per svuotare il caveau allagato della Banca di Credito Cooperativo. Nella zona artigianale di Muratello, ill torrente Gardellone è straripato: gli argini non hanno retto alla grossa portata d'acqua.

Disagi anche Franciacorta per i forti temporali di ieri sera. I vigili del fuoco sono dovuti uscire per una cinquantina di interventi per tutta la notte fino alle prime luci dell'alba. Danni per qualche migliaio di euro. Palazzolo e Erbusco i paesi più colpiti.

Rovato è invece andata in tilt a cuasa dei numerosi allagamenti in diverse zone del Comune. Ill quartiere più colpito è stato quello di Caporovato, ai piedi del Monte Orfano. La seriola non ha retto al carico dell'acqua, rovescando in via Carera e dintorni un fiume di fango. Diverse le abitazioni allagate, svuotate dagli stessi cittadini con secchi e badali a causa dell'assenza di mezzi dei vigili del fuoco e di aiuti dal Comune. Non è la prima volta che lo straripamento della seriola si verifica, e se  l'amministrazione guidata da Andrea Cottinelli non interverrà in modo adeguato, si riproporrà tale e quale alla prossima pioggia. Gli abitanti della zona sono a dir poco infuriati.

Infine, a Castenedolo, nella la parte collinare del paese, campi e strade sono rimasti allagati per l'esondazione delle rogge. In centro alcuni tombini sono scoppiati a causa dello straripamento delle fogne.
Molte le cantine invase dall'acqua: numerosi gli interventi dei vigili del fuoco con le autobotti, nonché le uscite dei tecnici di A2A per sistemare i danni dovuti ai temporali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

Torna su
BresciaToday è in caricamento