Rifugio divorato dalle fiamme: intrappolati due cani, morti carbonizzati

L'incendio è divampato sabato sera al rifugio Capanna Plai, all'interno della Ski Area di Borno: le fiamme hanno distrutto tutto. Morti due cani rimasti intrappolati

Il rifugio in fiamma © Bresciatoday.it

Non è rimasto più niente, raso al suolo dalle fiamme: l'incendio è divampato nella prima serata di sabato e non ha lasciato scampo al rifugio Capanna Plai di Borno, nota struttura all'interno della Ski Area che oltre all'area ristoro, con bar e ristorante e alcune camere, era anche attrezzato con un museo degli antichi mestieri. Nella sera del rogo sono morti due cani, rimasti intrappolati e bruciati dalle fiamme.

L'allarme è stato lanciato intorno alle 19.30: la centrale operativa ha inviato sul posto le squadre dei Vigili del Fuoco di Breno e di Darfo Boario Treme. Non è chiaro il perché si sia scatenato l'incendio: forse un corto circuito, forse un malfunzionamento di una canna fumaria (in tutto ne erano presenti cinque).

L'incendio

Sta di fatto che la struttura composta in gran parte di legno è andata completamente distrutta dal fuoco. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito, o peggio rimasto intrappolato all'interno. Purtroppo non hanno avuto la stessa sorte i due cani che sono morti carbonizzati.

Ci è voluta praticamente tutta la notte per spegnere le fiamme. Ulteriori accertamenti si sono conclusi all'alba, e poi ripresi nel pomeriggio di domenica per un nuovo sopralluogo. Oltre al danno irreparabile, sono da verificare eventuali problematiche ambientali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'amianto

Parte della struttura era infatti ancora ricoperta di amianto, che a margine del rogo potrebbe essersi disperso nell'aria. Alcune coperture sono comunque ancora in loco: dovranno essere rimosse da una ditta specializzata, già contattata dai Vigili del Fuoco. Le spese saranno a carico della proprietà del rifugio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Bimba travolta e uccisa sulle strisce: l'automobilista si è costituito

  • Auto precipita per decine di metri, morto il medico Giorgio De Thierry

Torna su
BresciaToday è in caricamento