In moto senza limiti: centauro beccato a 140 km orari in centro abitato

Multa da oltre 1000 euro e patente sospesa: il destino comune per i tre centauri beccati dalla Polizia Locale della Valsabbia. Il più veloce? Viaggiava ai 140 all'ora

Foto di repertorio

Il telelaser della Polizia Locale non perdona: soprattutto quando a sfrecciare sono motociclisti che viaggiano al doppio se non addirittura al triplo della velocità massima consentita. E in pieno centro abitato: sono tre i centauri beccati dagli strumenti di rilevazione degli agenti della Locale della Valsabbia, tutti e tre con la patente immediatamente ritirata e multe che si aggirano sul migliaio di euro a testa.

E' successo lo scorso weekend, lungo la Sp237 del Caffaro sulla strada che da Barghe va verso Preseglie: un percorso quasi “cittadino”, non lontano dai centri abitati e dove il limite massimo di velocità è fissato in 50 chilometri orari.

Ovviamente non rispettato dai tre motociclisti: il più veloce è stato rilevato mentre transitava a quasi 140 all'ora, per la precisione a 138 chilometri orari. Certo non scherzavano anche i suoi “colleghi” di illecito: un altro è stato registrato a 113 all'ora, il terzo a 108.

Inevitabile il ritiro della patente, che a tutti e tre è stata sospesa: il blitz della Locale non è una novità, e probabilmente si ripeterà anche nei prossimi weekend. L'obiettivo è limitare il flusso di veicoli, soprattutto a due ruote, che in quella strada sfrecciano davvero troppo veloci, con tutti i rischi del caso.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si accascia a terra in casa, giovane mamma uccisa da un improvviso malore

  • Tragico infortunio mentre lavora nel bosco, muore papà di tre bimbi piccoli

  • Esce di casa e scompare: ore d'ansia per un bimbo di 10 anni

  • Investita mentre attraversa la tangenziale di notte: morta ragazza di 22 anni

  • Ucciso dal cancro: fino all'ultimo Luca ha voluto gli amati cani al suo fianco

  • Donna trovata morta nel canale: potrebbe essere stata uccisa

Torna su
BresciaToday è in caricamento