78 colpi in tutto il Nord Italia: la base del covo nella nostra provincia

Furti messi a segno in 12 province. Due malviventi sono stati fermati, il terzo è ancora ricercato.

78 colpi in abitazioni private, negozi e locali, in 12 province, tutti effettuati con la medesima modalità, partendo dalla nostra provincia. La base operativa di una banda di romeni è stata individuata in un appartamento di Soiano del Lago, sul Garda. 

A portare all’arresto di due dei tre componenti della banda sono stati i carabinieri della caserma di Palmanova, in provincia di Udine, che hanno intercettato i malviventi impegnati in un colpo sul loto territorio di competenza. Da mesi le forze dell’ordine di tutto il Nord Italia erano impegnate nelle indagini per sgominare la banda; un elemento comune in tutti i casi riconducibili ai romeni è che non è mai stata trovata l’auto utilizzata per i colpi. I carabinieri friulani hanno scoperto il perché: la banda partendo da Soiano a bordo di un furgone si recava nella zona prescelta percorrendo l’autostrada. Giunti nei pressi delle abitazioni, o dei negozi e dei locali, uno o più malviventi scavalcavano la recinzione dell’autostrada da una piazzola o da un’area di sosta, mentre il complice attendeva a bordo del furgone. Una volta conquistato il bottino la banda ripartiva sempre dall’autostrada per tornare a Soiano.

Due romeni sono stati arrestati in flagranza di reato, il terzo, è ancora ricercato. Il bottino accumulato in mesi di scorribande è notevole: contanti, gioielli, monili, telefoni cellulari. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente di un metro e mezzo in classe: panico tra i bimbi della scuola elementare

  • Parcheggia l'auto, poi cammina in mezzo all'autostrada: ucciso da un tir

  • Fabio Volo nella bufera per i commenti su Ariana Grande: la sua replica

  • Attraversa l'autostrada, ucciso da un tir: famiglia devastata, era padre di due bimbi

  • Aperitivi e cocaina: arrestato barista, chiuso il locale

  • Orrore davanti a turisti e passanti: donna si mozza un dito al porto

Torna su
BresciaToday è in caricamento