menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Ha vissuto fino all'ultimo per gli altri": Angelo Farisoglio si è spento a un anno dalla morte del figlio

Angelo Farisoglio si è spento a 72 anni dopo una lunga malattia. La sua morte segue quella del figlio Sandro, ex sindaco di Breno, mancato nel gennaio del 2020 a soli 39 anni

Nell'ultimo anno la malattia non gli aveva dato tregua e alla fine si è arreso lasciando un grande vuoto intorno a sé. La Vacamonica piange la scomparsa di Angelo Farisoglio, 72 anni, noto per essere stato alla guida, per tanti anni, dello storico studio commercialista, aperto dal padre Marco nel lontano 1936, in centro a Breno.

Farisoglio si è spento domenica pomeriggio, lasciando nello sconforto la moglie Maria Emma, i figli Laura, Marco, Camillo e Selene, i sei nipoti e tutta la comunità che per anni ha apprezzato le sue doti umane e il suo impegno nel sociale. "Onorato del titolo di Cavaliere della Repubblica Italiana nel dicembre del 2019, uomo  profondo e attivo animato da un reale spirito solidale, ha speso il suo vivere fino all'ultimo per gli altri, per la comunità di Breno e per tutta la Valle Camonica": questo il ricordo di Confcooperative Brescia.

La sua morte segue di poco più di un anno quella del figlio Sandro, ex sindaco di Breno e presidente della Comunità Montana, mancato nel gennaio del 2020 a soli 39 anni. Un dolore incolmabile per il padre che, a fatica, si era ripreso dal grave lutto e aveva cercato di reagire, impegnandosi ancora di più nelle attività che era solito portare avanti.

Presidente della Cooperativa Arcobaleno, da lui stesso fondata nel 1986, era da sempre in prima linea a favore delle persone disabili e delle famiglie in difficoltà. Dal 2014, inoltre, era presidente del Sol.co Camunia, consorzio delle cooperative sociali valligiane. Farisoglio era anche presidente di Radio Voce Camuna. Recentemente aveva costituito il fondo "Ospedali e territorio" con l'obiettivo di raccogliere risorse per la sanità locale. Da sempre era vicino alle realtà sociali del territorio e, in particolare, ai giovani.

A causa delle restrizioni anti Covid in vigore, non sono ammesse visite e i funerali si terranno in forma privata. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento