Cronaca

"Datemi i soldi o vi ammazzo": manda i genitori in ospedale per 200 euro

Una triste storia di dipendenza da alcol e droga: condannato a 2 anni e 8 mesi di carcere il 41enne che per mesi, forse anni avrebbe vessato e picchiato gli anziani genitori

E' stato condannato a 2 anni e 8 mesi di reclusione per lesioni aggravate e tentata estorsione il 41enne bresciano che per mesi avrebbe vessato e malmenato gli anziani genitori, spesso in preda a raptus incontrollati dovuti all'uso (e all'abuso) di alcol e droga, in particolare cocaina. Il tribunale non solo ha accolto le richieste del pubblico ministero, ma ha pure sentenziato una condanna di 2 mesi più severa.

L'uomo è attualmente in carcere, e ci rimarrà a lungo: la cronaca racconta di una triste storia di dipendenza, che l'avrebbe portato prima a perdere la moglie, con cui le fratture erano diventate insanabili, e poi a prendersela anche con i genitori, che nonostante tutto da qualche anno l'avevano riaccolto in casa.

Droga e alcol, botte e minacce ai genitori

Dopo mesi (e forse anni) di botte e minacce, la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato forse l'episodio più cruento: mamma e papà sono finiti entrambi in ospedale, quando il 41enne – probabilmente ubriaco e “fatto” – li avrebbe picchiati perché si rifiutavano di consegnargli 200 euro per i suoi “acquisti”.

In quell'occasione furono proprio i genitori a denunciare l'accaduto: alla loro querela si sono aggiunte le preziose testimonianze dei vicini. I carabinieri sono così riusciti a ricostruire la vicenda, fino all'arresto del figlio violento. Trasferito in carcere, in attesa del processo: adesso, finalmente, è arrivata anche la condanna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Datemi i soldi o vi ammazzo": manda i genitori in ospedale per 200 euro

BresciaToday è in caricamento