Il Riesame rimette in libertà il presunto reclutatore Isis Alban Elezi

L'uomo di origine albanese, estradato in Italia, è uscito dal carcere di Canton Mombello; era accusato di assoldare combattenti per l'organizzazione terroristica

Alban Elezi

BRESCIASembra una vicenda destinata a ripetersi. Dopo la scarcerazione nei mesi scorsi di Anas El Abboudi – giovane di Vobarno arrestato, rimesso in libertà e poi presumibilmente ripartito per combattere – è la volta di Alban Elezi, per il quale l’accusa era di essere un reclutatore di giovani combattenti, tra i quali figurerebbe proprio lo stesso Anas El Abboudi, mandato a combattere in Siria.

Non così per il Tribunale del Riesame che ha rimesso in libertà l’uomo, al pari del nipote Elvin, scardinando di fatto i capisaldi di un’indagine della Procura volta proprio a smascherare reclutatori dell’Isis nel territorio bresciano.


Le motivazioni del Riesame riguarderebbero una mancanza di prove circa gli effettivi rapporti di Alban Elezi con la Siria, intrecci che sarebbero stati fondamentali affinché l’uomo potesse procedere con un vero e proprio arruolamento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zone gialle, arancioni e rosse, cosa succede il 6 dicembre: c'è attesa per la Lombardia

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Ragazza di 13 anni scomparsa con l'amica, madre disperata: "Torna a casa amore mio"

  • Si compra la cocaina con i soldi delle multe: sospeso agente della Locale

  • Tragico incidente: Valeria Artini, promessa del volley, muore a 16 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento