Siglato a Villafranca l'accordo per il futuro degli aeroporti del Garda

Dopo anni di polemiche e dopo una lunga trattativa, dunque è arrivata la firma sull'accordo per la gestione dell'aeroporto di Montichiari. Il documento è stato siglato all'Hotel Veronesi la Torre di Villafranca

Oggi è una giornata storica per l’aeroporto di Montichiari e per l’economia bresciana. Sono state queste le parole dei firmatari bresciani dell’accordo riguardante l’aeroporto D’Annunzio. Presenti, il presidente della Provincia, Daniele Molgora, il presidente di Abem, Giuliano Campana, il presidente della camera di commercio, Franco Bettoni, e il presidente di Aib, Giancarlo Dallera.

Dopo anni di polemiche e dopo una lunga trattativa, dunque è arrivata la firma sull’accordo per la gestione dell’aeroporto di Montichiari. Il documento è stato siglato all’Hotel Veronesi la Torre di Villafranca, e il “D’Annunzio” sarà gestito al 25% da Brescia, 25% da Trento e 50% da Verona. Nel “term-sheet” sottoscritto i tre sistemi tracciano l’assetto della nuova società “unica” cui faranno capo gli Aeroporti del Garda.

Si gettano così le basi all’ingresso di capitali bresciani nella Catullo Spa fino al 25%, così da porre la Leonessa alla pari con Trento, mentre Verona sarà al 50%. Con l’incorporazione di D’Annunzio Spa (già controllata al 99,9%), muterà anche la governance della nuova società: a Brescia e a Trento spetterà un vice presidente (oltre ad un direttore operativo dedicato a Montichiari), mentre il numero uno sarà veronese. E il vice bresciano avrà parere vincolante sulle scelte relative al D’Annunzio.

Se dovesse entrare anche Sea di Milano avrebbe il 20%, rosicchiato agli altri tre. Entro 90 giorni i tre soci dovranno approvare, o respingere, il piano di sviluppo dello scalo. Il documento è stato commissionato alla Roland Berger Strategy Consultants, e conterrà le linee programmatiche per la vocazione dell'aeroporto, che sembra essere sempre più quella del trasporto merci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione Io Apro: il 15 gennaio ristoranti aperti contro la nuova stretta

  • Ragazzino in ospedale col femore rotto: «È stato il padre di un mio coetaneo»

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Una tragedia immensa: il piccolo Alberto ucciso da un tumore a soli 5 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento