Precipita in un canalone, ciclista bresciano trovato morto in fondo al lago

Il corpo recuperato a 50 metri di profondità

Lo hanno cercato per ore, mantenendo acceso quel briciolo di speranza che è giusto non si debba spegnere mai. Ma quando lo hanno ritrovato la triste notizia si è sparsa rapidamente: Graziano Roversi è morto. Aveva 43 anni, grande appassionato di montagna e di ciclismo: proprio mentre era in sella alla sua mountain bike è precipitato di sotto, un volo di oltre 150 metri in un canalone che non gli ha lasciato scampo.

La tragedia si è consumata lungo un sentiero tra Baitoni e Vesta di Idro, il Sentiero dei Contrabbandieri. Una strada stretta e impervia, che sale e che scende: molto pericolosa, e proprio per questo vietata al transito delle biciclette. Roversi l'avrebbe percorsa lo stesso, finchè qualcosa non è andato storto.

E' bastato un attimo soltanto, forse un solo errore: è precipitato di sotto, è stato ritrovato in fondo alle acque del lago, a oltre 50 metri di profondità. Le ricerche sono proseguite per ore, coinvolgendo decine di tecnici e di volontari. A dare l'allarme i suoi familiari, intorno alle 18.30 di mercoledì, preoccupati perché non si era più fatto sentire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • Tragico infortunio sul lavoro: morto giovane operaio

  • Da pochi mesi in Indonesia, morto a 42 anni Davide Savelli

  • Le prime cinque aziende bresciane per fatturato

  • E' morto Menec: la sua storica trattoria meta di celebrità e calciatori

  • Schianto frontale nella notte: auto sventrata, morto un uomo

Torna su
BresciaToday è in caricamento