Monte Aguina: un serpente di un metro e mezzo scatena il panico sui social

La fotografia di un giovane cacciatore che “imbraccia” un serpente di un metro e mezzo ha scatenato il panico in rete: ma è soltanto una comune biscia

La foto del serpente pubblicata sui social

Un serpente di un metro e mezzo scatena il panico (social) sul lago d'Iseo e dintorni: impazza in rete la condivisione di una fotografia raccolta sul Monte Aguina, in territorio di Zone non lontano dall'omonima malga e dalla Pozza del Prefond: nello scatto si vede un giovane cacciatore che mostra il rettile (che sembra morto) appoggiato a un bastone.

Tanta la paura, dicevamo: in rete le opinioni e le ipotesi si sprecano, e in tanti si chiedono se non si tratti di un esemplare di una qualsivoglia vipera, arcinota categoria di serpenti velenosi – la letteratura scientifica ne conta quasi una trentina di specie diverse – attrezzati con una ghiandola in grado di produrre un veleno a prima vista molto annacquato, ma in realtà pericoloso per la presenza di albumine altamente tossiche e altre proteine enzimatiche che agiscono sui tessuti, sulla coagulazione del sangue e a volte anche sul sistema nervoso.

Niente di tutto questo, per fortuna: allarme rapidamente rientrato a seguito di una prima analisi “tecnica” del rettile in questione. Certo le dimensioni contano: potrebbe misurare anche più di 150 centimetri, appunto un metro e mezzo. Ma non è una vipera, sospiro di sollievo: si tratterebbe infatti di una natrice dal collare, in gergo popolare una comune biscia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La natrice dal collare – Natrix natrix – è un serpente europeo non velenoso della famiglia Natricidae. Non è raro trovarne di esemplari che superano tranquillamente il metro di lunghezza: nella zona del delta del Po, in Veneto, ne sono stati individuate alcune lunghe più di due metri, e del peso di 4 chili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Coronavirus, allarme focolaio nel Mantovano: 97 positivi in un'azienda agricola

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento