Il segreto della longevità: sul Garda il gene che mantiene giovane il cuore

Studiosi delle università italiane di nuovo a Limone per analizzare i portatori dell’alipoproteina miracolosa che combatte le malattie cardiovascolari e l’arteriosclerosi

Altro che vecchietti giapponesi, che si nutrono solo di erbette e pesce fresco: il segreto della longevità (e della resistenza a certe malattie) potrebbe essere nascosto anche a Limone sul Garda, il piccolo Comune da poco più di un migliaio di abitanti, al confine col Trentino e che da solo vale la bellezza di oltre 1 milione di presenze turistiche. La notizia è di questi giorni: un gruppo di ricercatori provenienti da varie università italiane tornerà sul lago per studiare le miracolose proprietà dell’alipoproteina “A1 Milano gene Limone”, l’anomalia genetica riscontrata in una cinquantina di residenti limonesi e che permetterebbe ai loro corpi di resistere meglio alle malattie cardiovascolari e all’arteriosclerosi.

Il gene miracoloso

Un piccolo elisir di lunga (e buona) vita, contenuto nei geni modificati di alcuni paesani: in tutto sarebbero 40 quelli che abitano ancora a Limone, a cui si aggiungerebbe un’altra decina di persone che si sono trasferite. La scoperta ha ormai qualche anno, ma è ancora rivoluzionaria: i geni modificati risalirebbero a una coppia che abitava in paese quasi mezzo millennio fa, nel XVII secolo.

I loro discendenti avrebbero poi trasferito a loro volta, a figli, nipoti e pronipoti, le proprietà di quel gene miracoloso. Una circostanza già studiata in Italia, e nel mondo, e ora di nuovo sotto le lenti dei ricercatori: il 1 marzo prossimo, al centro congressi, il progetto sarà spiegato nei dettagli. All’interessante ricerca, capitanata dallo storico professor Cesare Sirtori, parteciperanno anche Laura Calabresi, Nicola Ferri, Chiara Pavanelli e Marcello Rattazzi delle università di Milano e Padova.

I dettagli dello studio

Lo studio coinvolgerà, nei limiti del possibile, tutti i portatori della mitica alipoproteina A1, denominata “Milano” per via dell’università che la rivelò al mondo, e “Limone” per il suo paese di origine. Le dette modifiche genetiche permettono all’organismo di reagire meglio, se non addirittura respingere, le difficoltà derivanti da particolari patologie come appunto le malattie cardiovascolari o l’arteriosclerosi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Altri esperimenti hanno confermato i loro effetti genetici, al momento solo sugli animali: l’innesto della A1 avrebbe migliorato le condizioni di alcune cavie affette da scompensi cardiaci. Dal punto di vista medico, sarebbe una rivoluzione: tutto ancora da verificare, sia chiaro, ma i nuovi studi potrebbero consentire un bel passo avanti. Non resta altro che sperare. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade sommerse da un'incredibile grandinata: servono le ruspe per liberarle

  • Lo sfogo dell'infermiera: "Il mio sangue coagula come quello di un vecchietto allettato"

  • Tragedia in azienda: operaio bresciano si toglie la vita

  • Violenta rissa, ragazzino picchiato e lasciato ferito in mezzo alla strada

  • Coronavirus, negativo al tampone poi la ricaduta: è morto Alberto Inversini

  • La ex del fratello 'pippa' 1.200 euro di cocaina e non paga: minacce e arresto

Torna su
BresciaToday è in caricamento