menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, nel Bresciano torna l'incubo morti: sono altri 18 in 24 ore

Sono 4.084 i nuovi positivi in Lombardia, con 63 decessi: in provincia di Brescia 792 casi e 18 morti

Una flebile luce di speranza nel buio di un tunnel che sembra non finire mai: per il secondo giorno consecutivo le variazioni percentuali sui nuovi casi in sette giorni hanno il segno meno. Ad oggi non è un vero e proprio calo, ma una stabilizzazione: presto per avere conferme, ci vorrà ancora qualche giorno. Ma è il sintomo inequivocabile che ci si sta avvicinando al picco di questa terza ondata. Almeno in provincia di Brescia. Sarà ancora lunga: ai contagi seguono di qualche giorno i ricoveri e poi, purtroppo, anche i decessi. 

La situazione in provincia di Brescia

Sono 729 i nuovi positivi nelle ultime 24 ore, 7.213 nell'ultima settimana con una media di 1.030 casi al giorno, in calo dell'1,6% sui sette giorni (lunedì era -0,1%, domenica +2,9%, sabato +3,7%) e dell'1,7% sui sette giorni precedenti. Massima allerta, comunque: nei primi sette giorni di marzo si sono registrati 7.238 contagi, circa la metà dei 15.558 di tutto il mese di febbraio. Ancora alta l'incidenza: con 570 casi ogni 100mila abitanti in sette giorni Brescia è la seconda provincia in Italia dopo Bologna (601), che però è già in zona rossa. In Lombardia sono 312 casi ogni 100mila abitanti in sette giorni, in Italia 241.

In Lombardia più di 6mila persone in ospedale

Non è troppo dissimile l'andamento della curva nel resto della regione. Nella prima settimana di marzo sono 31.092 i nuovi casi: oltre il 47% del totale dei 66.069 positivi di tutto febbraio. Nelle ultime 24 ore sono 4.084 i nuovi positivi: 31.414 negli ultimi sette giorni, con una media di 4.448 al giorno, in crescita dell'1% sui sette giorni e dell'1,6% sui sette giorni precedenti. Impennata di ricoveri: il saldo è di 230 unità in più, a fronte di dimissioni e decessi. Ad oggi si contano 6.027 pazienti Covid negli ospedali della Lombardia, di cui 611 (il 10,14%) in gravi condizioni in terapia intensiva.

In tre giorni 44 bresciani morti di Covid

Sono 450 i ricoverati solo al Civile, circa 1.200 in tutta la provincia di Brescia. Anche tra lunedì e martedì sono stati trasferiti più di 30 pazienti in ospedali di altre province. La triste conta dei decessi si aggiorna di 63 croci (totale 28.853) di cui 18 nel Bresciano: negli ultimi tre giorni sono 44 i morti per Covid in provincia di Brescia, non succedeva da settimane. Le vittime abitavano a Brescia, Calcinato, Castelmella, Chiari, Flero, Gardone Valtrompia, Orzinuovi, Rezzato, Salò, Toscolano Maderno. Questi i nuovi casi per provincia: 1.056 a Milano, 729 a Brescia, 563 a Varese, 313 a Como, 275 a Bergamo, 267 a Monza e Brianza, 224 a Pavia, 197 a Mantova, 120 a Lecco, 86 a Sondrio, 68 a Lodi.

Il punto in Italia: pochi giorni al picco?

Il punto sulla situazione nazionale, dove si sfiorano i 20mila positivi, con 556 ricoverai in più e ancora 376 decessi. “La terza ondata si profila più bassa della precedente – scrive Paolo Spada su Pillole di Ottimismo – avendo avuto una fase di accelerazione molto breve, cui sta facendo seguito una più lunga fase di decelerazione, nella sua corsa verso l'alto, che presto ci porterà al picco d'incidenza. Seguirà una fase ancora più lunga della curva discendente, durante la quale saranno invece i ricoveri a fare notizia, e quindi i decessi”. Il picco (italiano) potrebbe essere atteso entro una decina di giorni.

In provincia nuovi contagi in 150 Comuni

Nel Bresciano si registrano nuovi contagi in circa 150 Comuni. Questi i paesi dove nelle ultime 24 ore l'incremento è stato più significativo: 

  • 100 a Brescia,
  • 33 a Palazzolo sull'Oglio,
  • 21 a Calcinato,
  • 20 a Sarezzo,
  • 18 a Concesio,
  • 17 a Montichiari,
  • 16 a Gussago,
  • 15 a Lumezzane e Villa Carcina,
  • 14 a Bagnolo Mella, Calvisano e Gavardo,
  • 13 a Ospitaletto,
  • 12 a Gardone Valtrompia,
  • 11 a Chiari e Desenzano del Garda.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento