"Chiara è molto dispiaciuta: ha rivolto un pensiero al marito e alla figlia della vittima"

L'avvocato Gianfranco Ceci ha incontrato la sua cliente in carcere: Chiara Alessandri nega ogni premeditazione, e si dice dispiaciuta per quanto successo

“La mia cliente è molto provata, sta metabolizzando quanto è successo. E' molto dispiaciuta. Adesso  abbiamo soltanto bisogno di tranquillità, per studiare le carte: i processi si fanno nelle aule dei tribunali, non sui media e sui giornali”. A parlare è Gianfranco Ceci, il legale di Chiara Alessandri (nella foto), intervistato ai microfoni di TeleLombardia dopo averla incontrata in carcere.

La donna è attualmente detenuta a Verziano con l'accusa di omicidio e distruzione di cadavere: nell'interrogatorio di convalida ha negato ogni premeditazione, ha detto di aver ucciso Stefania Crotti accidentalmente, durante una colluttazione, per concludere ribadendo di non aver mai bruciato il corpo della donna, ritrovato carbonizzato nelle campagne tra Erbusco e Adro.

Le parole dell'avvocato

“E' molto preoccupata, affranta, distrutta – continua Ceci – Ovviamente è preoccupata per i suoi figli, ma ha rivolto un pensiero anche al marito e alla figlia della vittima. Ha comunque sempre negato ogni premeditazione: faceva parte del comitato genitori, aveva una vita sociale. Con la signora Crotti voleva soltanto parlare”.

La donna invece è stata uccisa: l'autopsia ha confermato la presenza di diverse lesioni sul corpo, in particolare quattro colpi alla testa compatibili con un martello o un altro oggetto contundente. Di fianco al cadavere poi dato alle fiamme sono stati effettivamente ritrovati un martello e una pinza. Nelle disponibilità di Alessandri è stata recuperata anche una tanica di benzina da 10 litri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In tutti i garage c'è una tanica – ha detto ancora l'avvocato Ceci – e questa è stata utilizzata in un altro momento”. Smentite le voci sulla richiesta di infermità mentale. “Non chiederemo l'infermità mentale – conclude il legale di Alessandri – ma valuteremo se concordare una perizia psichiatrica. Per il momento seguiamo le indagini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Coprifuoco in Lombardia: il 'grande' ritorno dell'autocertificazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento